Vai al contenuto

Sala e la fase 2 a Milano: limiti ad ingressi sui mezzi e doppio turno scuole

Il sindaco Sala sta studiando la fase 2 per la città di Milano: “Bisogna lavorare sui tempi della città”.

Pensa a limitare l’accesso alla metro, che ridurrà “al 30% la capienza nelle ore di punta”. Poi sui negozi: “Nessun problema a immaginare di averli aperti la sera”.

Il sindaco di Milano Giuseppe Sala illustra il piano a cui sta lavorando quando sarà possibile la riapertura nel capoluogo lombardo, in un’intervista al Corriere della Sera “Non mi sfugge che fino a che non riapre Milano non ci sarà una vera riapertura del Paese”, spiega Sala. “Stiamo lavorando a un piano per la riapertura che presenteremo settimana prossima”. Secondo il sindaco “va bene riaprire, ma in sicurezza: dire alla gente con chiarezza se la mascherina le viene data o se se la deve comprare. E poi insistere sui test”.

Sala pensa a una riorganizzazione dei “tempi della città” per riaprire in sicurezza, che coinvolga il trasporto pubblico, le scuole e i negozi. “Stiamo lavorando”, spiega, “a un sistema che controlla gli ingressi nelle stazioni del metrò e li blocca quando si supera un certo numero”, riducendo così al 30% la capienza nelle ore di punta. “Sul pavimento delle carrozze disegneremo dei cerchi per garantire la distanza”, aggiunge Sala. E sulle scuole: “È necessario scaglionare ingressi e uscite, bisognerebbe pensare a doppi turni”, afferma il sindaco. Infine sui negozi: “Non possono avere gli stessi orari di adesso. Il Comune non avrebbe nessun problema a immaginare di avere i negozi aperti la sera”

Fonte SkyTG24 e corriere.it

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: