In arrivo a Milano un nuovo grattacielo che sarà tra i dieci più alti della città: la Torre Faro. Location: Piazza Trento.

il mio video

Il progetto , che prende il nome di “Torre Faro’’, prevede la riqualificazione degli edifici attualmente esistenti in piazza Trento, la realizzazione di una stecca lungo il perimetro dell’ex scalo Romana e soprattutto la costruzione di un nuovo grattacielo che raggiungerà l’altezza di 144 metri. La Torre Faro avrà una base ovoidale, pareti in vetro e varie funzioni: i primi 12 piani saranno ad uso uffici, ma ci sarà anche uno Sky Garden a 60 metri di altezza, aperto in uno dei suoi lati, e poi altri 10 piani di uffici e un “Belvedere’’, accessibile ai cittadini, in cima al grattacielo.

A terra , oltre alla presenza di nuovo verde, l’elemento che caratterizza il progetto è l’acqua, che circonderà l’immobile lasciando libera solo la parte di accesso allo stesso.

Il nuovo quartier generale di A2A sarà modernissimo e ad altissima sostenibilità ambientale e andrà a sostituire le attuali sette sedi milanesi della multiutility energetica controllata dai Comuni di Milano e Brescia. L’obiettivo della Spa è vendere le vecchie sedi per finanziare la realizzazione del nuovo immobile e fare cassa. La realizzazione del grattacielo permetterà di concentrare 1.500 dipendenti della società nella nuova maxi-sede di Milano.

La Torre Faro si trova a poche decine di metri dall’ex scalo Romana, dove sarà costruito il Villaggio olimpico che ospiterà gli atleti dei Giochi invernali del 2026. L’area che va da piazza Trento all’ex scalo, dunque, da qui ai prossimi sei anni subirà una profondissima trasformazione urbanistica e diventerà uno dei “nuovi’’ quartieri della città, considerando anche che proprio di fianco all’ex scalo è nata la Fondazione Prada.

Inizialmente A2A aveva annunciato che i lavori della torre sarebbero stati conclusi entro il 2022. Ci vorrà di più, ma Milano avrà un nuovo grattacielo, tra i più alti mai costruiti in città.

Fonte Il Giorno e blog Milano Progetti e Cantieri

Di Paul Pablo

Nella vita ho sempre avuto molti interessi e non ho mai visto il mondo per com’è nella realtà, ho una mia visione molto personale delle cose... Questo mio modo di essere influenza tutto ciò che faccio, come le foto che realizzo, che per una sfida personale sono tutte scattate con iphone, non con reflex professionale. Mi piace l'istantaneità, rendere subito un'idea nel momento in cui la mia mente la elabora, quindi scatto le mie foto e le postproduco all'istante, utilizzando moltissime app che mi permettono di dare la mia visione del soggetto. Circa due anni fa ho deciso per gioco di attivare una mia pagina su Milano, da quel momento non mi sono ancora fermato, è stato un susseguirsi di tante esperienze una più stimolante dell'altra ed ora la mia Nati per vivere a Milano è una testata che propone tutti miei contenuti originali: foto, video e dirette. Sono quindi diventato un blogger imparando sul campo, ora ho il grande privilegio di curare le dirette di altre due pagine molto importanti come Milano Panoramica e Milanoevents.it. Mi piace raccontare la mia città, di cui sono molto orgoglioso, avendo mezza famiglia negli Stati Uniti, vivono a New York da sempre, ritengo di poter sostenere che Milano sia l'unica vera city italiana e l'unica città internazionale d'Italia. La fotografia per me è una visione personale di un attimo reale, deve sempre esprimere un'idea, avere un elemento particolare, raccontare un punto di vista, mi spiace non sono un seguace del realismo fotografico, per quello c'è la street view di google...

Rispondi