Vai al contenuto

Il segreto della Stella a 8 Punte di Milano

Ci stiamo avvicinando al Santo Natale, non potevo non parlarvi di questo segreto incredibile che racchiude la nostra città!

Sulla punta del campanile di Sant’Eustorgio, al posto della croce, c’è una stella a otto punte, simbolo della cometa che guidò i Magi a Betlemme, quindi la stella indica la presenza dei Re Magi.

E cosa avranno a che fare i Re Magi con la Basilica di Sant’Eustorgio di Milano? Ora ve lo spiego…

Nella Basilica di Sant’Eustorgio, infatti, grazie allo stesso Eustorgio, sono custodite alcune reliquie dei Magi, o meglio, il pesante sarcofago che le trasportò fino a lì. Pare che il carro su cui viaggiavano le reliquie fosse troppo pesante, tanto che i buoi si fermarono in Porta Ticinese, non riuscendo ad arrivare a destinazione. Eustorgio, che allora era il vescovo di Milano quindi se la comandava abbastanza, decise che non era un problema e che se le reliquie non andavano alla Basilica sarebbe stata la Basilica ad andare alle reliquie, e nel punto in cui i buoi si erano piantati fece costruire quella che oggi conosciamo come la chiesa che porta il suo nome.

A un certo punto le reliquie furono pure trafugate per ordine di Federico Barbarossa, che se le portò a Colonia. Magrissima consolazione, nel 1906 il Cardinal Ferrari riuscì a farsene restituire una piccola parte, che adesso è conservata in un’urna.

Infine, per capire quanto sia importante questa presenza a Milano, c’è la tradizione del corteo dei Magi che, il giorno dell’Epifania, parte da Piazza del Duomo e arriva a Sant’Eustorgio.

Attestata sin dal Medio Evo, la sfilata del corteo dei Magi è uno degli eventi più amati dai milanesi, che vi assistono disponendosi lungo tutto il percorso.
Particolarmente entusiasti sono i bambini che gioscono alla vista degli elaborati costumi dei figuranti e degli animali che fanno parte del corteo.


Il corteo parte ogni anno il giorno dell’Epifania da Piazza del Duomo, si ferma a San Lorenzo dove si trovano i figuranti che impersonano Erode e la sua scorta, e giunge fino a Sant’Eustorgio. Qui, sul sagrato, è allestito un palco con i personaggi della Sacra Famiglia, a cui i Magi portano i doni.
Al termine i discorsi delle autorità presenti e la possbilità di farsi fotografare insieme ai partecipanti al corteo in costume storico.

Grazie per le info a Wikipedia e al sito ostellobello.com

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: