In diretta da Piazza San Babila il mio reportage fotografico e video di una bellissima opera:

Una mano rivolta verso il cielo interamente realizzata in mattoncini Lego System e piastrine Lego Dots. E’ la nuova scultura, realizzata in occasione della Milano Fashion week, che sarà presente fino al 24 febbraio in piazza San Babila a Milano. L’installazione è stata realizzata da Riccardo Zangelmi, unico artista italiano, tra i 16 al mondo, ad aver conseguito la qualifica Lego Certified Professional.

il mio video esclusivo

Per realizzare l’opera d’arte l’artista ha utilizzato oltre 50.000 mattoncini classici e 7.000 mini piastrine Lego Dots, per realizzare la scultura, che con la base, anch’essa decorata da Dots, è alta più di 2,5 metri. Le ore di lavoro sono state circa 120 e il peso ha raggiunto i 130 kg. L’artista emiliano, che sin da piccolo sognava di “fare l’ingegnere dei Lego”, torna a Milano con uno dei “fil rouge” delle sue opere.

Questa volta Lego Italia ha chiesto a Riccardo di affrontare una nuova sfida, abbinare il mattoncino tradizionale alle nuove piastrine Lego Dots in 2D, in omaggio alla Milano Fashion Week. Lego Dots, infatti, strizza un occhio a una nuova dimensione fashion che permette ai bambini di esprimersi liberamente.

Dots è una linea innovativa di braccialetti e accessori per la camera, studiata per comunicare il proprio stato d’animo o la propria personalità attraverso design divertenti. Lanciata a Londra è disponibile in anteprima da oggi nei Lego Certified Store e online sullo store Lego.

“Sono entusiasta di essere nuovamente a Milano, città che ha ospitato i miei esordi come artista e la mia prima mostra personale” dichiara Zangelmi. “Lego Italia mi ha coinvolto nel lancio del nuovo concept Lego Dots, che permette di costruire veri e propri schemi creativi. Un nuovo prodotto che lascia grande libertà di espressione e che utilizzerò senza dubbio anch’io nelle mie opere future”.

Di Paul Pablo

Nella vita ho sempre avuto molti interessi e non ho mai visto il mondo per com’è nella realtà, ho una mia visione molto personale delle cose... Questo mio modo di essere influenza tutto ciò che faccio, come le foto che realizzo, che per una sfida personale sono tutte scattate con iphone, non con reflex professionale. Mi piace l'istantaneità, rendere subito un'idea nel momento in cui la mia mente la elabora, quindi scatto le mie foto e le postproduco all'istante, utilizzando moltissime app che mi permettono di dare la mia visione del soggetto. Circa due anni fa ho deciso per gioco di attivare una mia pagina su Milano, da quel momento non mi sono ancora fermato, è stato un susseguirsi di tante esperienze una più stimolante dell'altra ed ora la mia Nati per vivere a Milano è una testata che propone tutti miei contenuti originali: foto, video e dirette. Sono quindi diventato un blogger imparando sul campo, ora ho il grande privilegio di curare le dirette di altre due pagine molto importanti come Milano Panoramica e Milanoevents.it. Mi piace raccontare la mia città, di cui sono molto orgoglioso, avendo mezza famiglia negli Stati Uniti, vivono a New York da sempre, ritengo di poter sostenere che Milano sia l'unica vera city italiana e l'unica città internazionale d'Italia. La fotografia per me è una visione personale di un attimo reale, deve sempre esprimere un'idea, avere un elemento particolare, raccontare un punto di vista, mi spiace non sono un seguace del realismo fotografico, per quello c'è la street view di google...

Rispondi